domenica - 22 ottobre 2017

“CineMigrare – Rassegna internazionale di cinema senza frontiere”. A Taormina il 22 e 23 settembre

“CineMigrare – Rassegna internazionale di cinema senza frontiere”, torna per un secondo appuntamento. La cornice sarà la “Perla dello Ionio”, Taormina. La città che è prepotentemente entrata negli ultimi tempi nel dibattito sul tema dei migranti. La manifestazione si svolgerà all’interno dell’Auditorium dell’IISS Salvatore Pugliatti di Taormina e si articolerà in due giorni (22-23 settembre 2017)

Da migrante a scafista: egiziano arrestato per lo sbarco del 2 settembre

L’uomo, Mohamed Kamel Nasr, classe 1998, di nazionalità egiziana, non aveva legami con ambienti catanesi, ma era collegato a soggetti libici facenti parte di un’organizzazione nordafricana. Aveva vissuto per un lungo periodo di tempo nella “connection house” di Sabrata, luogo di attesa per i migranti che aspettano la traversata. Divenuto persona di fiducia, da potenziale trasportato

San Berillo, la storica “ferita” di Catania rimasta aperta

Un dedalo di viuzze e vicoli, un labirinto di vie fantasma abitate per lo più da prostitute ed extracomunitari, pervase dal tanfo delle fogne a cielo aperto. Non è cambiato quasi nulla da quando si è voluta sradicare la delinquenza con lo sventramento del quartiere, tranne per alcune zone frequentate dalla movida catanese il sabato sera.

“Tre giorni senza frontiere 2017”: la prima giornata dedicata a gioco e integrazione

Quella al Lido Azzurro, è stata la giornata del gioco, dove italiani e migranti hanno imparato a conoscersi meglio, costruendo statue sulla sabbia, tirando funi, giocando ai tamburelli, sorridendo, pranzando insieme, in una parola: integrandosi! Uno dei più noti stabilimenti balneari catanesi si è così riempito di magliette colorate di giovani da più parti d’Italia

Accoglienza e integrazione con “Tre giorni senza frontiere”

“Solidarietà verso il prossimo ed ospitalità”, i concetti espressi da Emiliano Abramo, presidente della comunità di Sant’Egidio e Sebastian Intelisano, che opera all’interno della stessa, per presentare la quarta edizione di “Tre giorni senza frontiere”. Si tratta di tre giornate che vanno dal 9 all’11 agosto caratterizzate da giochi e divertimento tra giovani, allo scopo di

Accoglienza migranti: nuovo bando SPRAR, in “gioco” 4 milioni e mezzo di euro

Nuovo bando di gara del Comune di Catania per aggiudicare i servizi di accoglienza rivolti a 83 soggetti tra minori stranieri non accompagnati e neo maggiorenni per il triennio 2017/2019. Il bando scadrà il 18 settembre 2017 per un valore di appalto, comprendente i tre anni, di oltre 4 milioni e 526 mila euro. Un vero

Commissione Difesa e Sicurezza, Pogliese: “Catania ha raggiunto il limite dell’accoglienza”

Si è svolta a Catania la visita ufficiale della sottocommissione Sicurezza e Difesa del Parlamento europeo (SEDE), con presidente l’europarlamentare polacca Anna Fotyga, di cui fanno parte gli europarlamentari Belet, Frunzulica e l’onorevole Lorenzo Cesa. All’incontro ha partecipato l’onorevole Salvo Pogliese, parlamentare europeo di FI-PPE: “Gli immigrati sbarcati sulle nostre coste sono il 17%in più

Giovani migranti come bestie: arresti a Giarre, indagato dipendente comunale di Catania

“I Farmaci generici sì. Ma non questi qua! Assolutamente no! Per me può buttare sangue..”. Si esprimevano così Giovanni Pellizzeri e Isabella Vitale nel corso di una conversazione intercettata dai Carabinieri della Compagnia di Giarre. L’indagine è sfociata nell’operazione “Camaleonte”, per la quale su disposizione della Procura Distrettuale di Catania, i militari hanno posto ai domiciliari lo

immigrazione-hotspot

Lentini: sì ai centri di accoglienza per migranti ma i cittadini non ci stanno

La problematica dei migranti sta assumendo nuove e preoccupanti dimensioni per i cittadini di Lentini. L’Amministrazione Comunale lentinese ha deciso di aderire al Progetto Sprar per la realizzazione di centri di seconda accoglienza. L’assessore ai Servizi Sociali, Alessandra Cottone, rassicura: “È tutto sotto controllo”

Caporalato a Paternò: la Dia sequestra patrimonio di dieci milioni a imprenditore

E’ Rosario Di Perna, già condannato per altri reati, l’imprenditore agricolo che aveva costituito un’associazione, operante a Paternò e in Romania, preordinata al reclutamento di manodopera rumena per l’impiego nelle campagne paternesi in assenza delle garanzie minime di tutela spettanti ai lavoratori, secondo le forme e modalità del cd. caporalato. L’imprenditore avrebbe anche minacciato e pagato solo

Login Digitrend s.r.l