Martedì 17 marzo alle ore 9 presso l’Istituto Ardizzone Gioeni verrà inaugurato l’innovativo corso forense promosso dalla Camera Minorile di Catania presieduta dall’avvocato Renata Saitta che con il collega Gian Marco Gulizia ne ha curato la realizzazione. Il tema di assoluta attualità consentirà ai corsisti, cui verrà rilasciato un attestato, di poter esercitare il ruolo di tutori dei migranti minorenni in tutte le sedi necessarie.


Nuove competenze per la professione forense basate sulla conoscenza del fenomeno migratorio: un’emergenza che sta assumendo dimensioni considerevoli, soprattutto in relazione all’età dei giovani migranti che va sempre più diminuendo.

La Camera minorile di Catania organizza un corso sul tema “Tutela e difesa dei minori stranieri non accompagnati e dei minori stranieri in genere” si svolgerà nell’ambito di un progetto dell’Unione nazionale camere minorili finanziato dalla Cassa Forense e patrocinato dal Consiglio nazionale di categoria e dall’Ordine degli avvocati di Catania e dall’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Siciliana.

Il corso partirà il 17 aprile 2018 presso l’Istituto Ardizzone Gioeni di Catania.

«L’obiettivo è quello di fornire strumenti e conoscenze sia di natura teorica, con riferimento alla legislazione nazionale e sovranazionale, sia dal punto di vista pratico e amministrativo – ha spiegato la presidente della Camera minorile di Catania avvocato Renata Saitta – verranno approfondite le procedure, la competenza dei vari uffici ma soprattutto verrà fatta piena luce sulla condizione del minore straniero. Naturalmente – ha specificato – verrà affrontato sia l’ambito civile che quello penale, al fine di favorire l’inserimento lavorativo dei giovani avvocati. Si tratta di un importante momento formativo specialistico per la tutela e la difesa dei minori stranieri, anche non accompagnati, presenti in Italia. Per dare contezza del fenomeno bisogna ricordare che solo nel 2017 ne sono giunti oltre 14mila sulle nostre coste. Verranno affrontate le cause del fenomeno partendo dal dato statistico e lo stato delle politiche territoriali, passeremo quindi ad esaminare il sistema di accoglienza e l’applicazione del sistema di protezione nazionale e internazionale nel quadro della legge n. 47 del 7 aprile 2017, che contiene le ultime disposizioni in materia di misure di protezione del minore straniero non accompagnato».

«Le lezioni saranno tenute da magistrati, avvocati, mediatori culturali, psicologi, dirigenti di struttura  – ha sottolineato Gian Marco Gulizia, avvocato della Camera minorile di Catania  –  e sono previste inoltre lezioni di lingua inglese, francese e araba incentrate sugli elementi indispensabili ed essenziali per la relazione con i minori stranieri. Gli incontri programmati avranno una durata di otto ore, ad eccezione di quello inaugurale e del conclusivo che dureranno sei ore. L’ultimo appuntamento si terrà a Roma dove è prevista la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione».