Traffico congestionato tra il Viale Andrea Doria e il Viale Odorico da Pordenone, all’altezza del tormentato “Tondo Gioeni”

Un cantiere, lavori in corso e carreggiate ristrette. E ieri sera l’inferno in circonvallazione. Auto incolonnate per chilometri, monta l’ira e si leva il coro dei clacson, inferociti. La Polizia Municipale prova a sedare gli animi, a condurre in porto l’operazione di “smaltimento del traffico” che però è un’impresa praticamente impossibile.  E così si è costretti per ore a far parte di una fila immensa di veicoli condotti da automobilisti disperati.

Si lavora ad un’opera di riqualificazione della rotonda che tanto fa parlare di sé. Una fontana, lavori per sei mesi o giù di lì. Ma nessuna pianificazione tra il committente e la ditta che esegue, evidentemente nessuna delle classiche “conferenze di servizio” con tutti gli attori presenti per stabilire date e modalità. E così, inevitabilmente, è il caos! Ecco le critiche serrate all’Amministrazione, all’organizzazione dei lavori, o meglio alla disorganizzazione e alla mancanza totale di comunicazione. La mano destra non sa quello che fa la sinistra!

Si correrà ai ripari garantendo la fluidità del traffico? Chi vivrà, vedrà. Sicuramente sì perché simili “incidenti” devono essere scrupolosamente evitati. Intanto l’ennesimo episodio che di fatto scredita la città e segna il conflitto tra ciò che dovrebbe essere (il rispetto per i cittadini prima di tutto) e ciò che tristemente è.