Alla prima al Massimino i rossazzurri superano in rimonta la Virtus Francavilla per 2-1: decidono le reti di Lodi (rigore) e Sarno

 

E sono due. Il Catania non fallisce il primo appuntamento allo stadio Angelo Massimino e davanti ai propri tifosi conquista la seconda vittoria in campionato battendo la Virtus Francavilla per 2-1 e confermando quanto di buono fatto vedere ad Avellino. Un Catania convinto dei propri mezzi, anche quando al 23’ si ritrova sotto di un gol dopo l’incornata di testa di Perez sugli sviluppi di un Calcio d’angolo; i rossazzurri impiegano solo 15 minuti per trovare la via del gol del pareggio, con il solito Ciccio Lodi che su calcio di rigore procurato da Welbeck spiazza il portiere ospite siglando la rete dell’1-1. Nella ripresa, poi, arriva il gol decisivo di Vincenzo Sarno che, grazie alla complicità del portiere Costa, trova la conclusione vincente di sinistro da fuori area. Concretezza e bel gioco, il Catania sale a quota 6 punti mantenendo la vetta della classifica del girone C di Serie C.

 

CRONACA DEL MATCH

Pronti via ed è subito il Catania a procurarsi la prima occasione del match con Di Piazza che, in area di rigore, sciupa tutto calciando malamente e permettendo all’estremo difensore Costa di intervenire sul pallone. Passano appena 60 secondi ed è stavolta la Virtus Francavilla a rendersi pericolosissima con il tandem Vazquez-Gigliotti, ma con un intervento in scivolata è Silvestri ad evitare il peggio per la difesa rossazzurra. La formazione di Trocini dimostra grande ordine e personalità in campo ed al 23’ trova addirittura la rete del vantaggio: sugli sviluppi di un corner è Perez a trovare la deviazione di testa vincente, sbloccando dunque il risultato. La reazione del Catania non si fa attendere e con il solito Matteo Di Piazza i padroni di casa vanno vicini al pareggio, ma la conclusione in sforbiciata della punta etnea termina alta sopra la traversa. Al 38’ però i rossazzurri si procurano la ghiotta chance dell’1-1: ottimo inserimento di Welbeck che, entrato in area di rigore, viene steso da Tiritiello, inducendo l’arbitro a fischiare il calcio di rigore; dal dischetto si presenta il solito Francesco Lodi che con freddezza spiazza Costa riportando il punteggio nuovamente in parità. Due minuti più tardi Di Piazza ha la possibilità di portare i suoi avanti, ma il suo tiro viene neutralizzato dal portiere della Virtus. Termina così la prima frazione di gioco sul punteggio di 1-1.

La ripresa inizia nel segno del nervosismo: in seguito ad un presunto fallo su Gigliotti in area di rigore, il tecnico della Virtus Trocini protesta in maniera veemente costringendo l’arbitro a cacciarlo dal rettangolo verde. Al 63’ il Catania trova il gol del vantaggio con Vincenzo Sarno: l’esterno rossazzurro calcia col suo sinistro dal limite dell’area, trovando il gol del 2-1 anche grazie alla complicità di Costa, il quale non riesce a contenere un tiro piuttosto centrale. Al minuto 64 entra in campo Mazzarani al posto di Di Molfetta: il nuovo entrato si rende subito pericolosissimo prima con una conclusione a giro ben parata dal portiere ospite e poi con un tiro di destro violento che termina tuttavia alto sopra la traversa. Al 74 Welbeck tenta il classico gol della domenica con una rovesciata spettacolare, sfiorando solamente il palo alla destra del portiere. Quando ormai il Catania sembra in totale controllo della partita, ecco che la Virtus Francavilla ha la clamorosa chance del 2-2 al 91’, ma Zenuni sciupa incredibilmente concludendo alto un tiro all’altezza del dischetto. E con questo ultimo brivido si conclude la sfida del Massimino. Seconda vittoria in due partite per i rossazzurri che si confermano squadra concreta e dal bel gioco.

 

Fonte foto: calciocatania.it