Martina La Piana ha conquistato l’oro, il secondo consecutivo, mentre Salvo Cavallaro si conferma in gran forma, battendo Keylan Cassidy agli ottavi degli Europei Under 22

Eccellenti conferme per due pugili di spicco della Team Cavallaro Fitbull che in due distinte competizioni alzano le braccia al cielo in un venerdì da leoni. Salvo “Occhi di tigre” Cavallaro prosegue la marcia verso la conquista degli Europei Under 22, Martina La Piana si conferma campionessa tricolore al termine del Torneo Nazionale Italia.

Al termine di un match sicuramente più duro e lungo di quello d’esordio, per la gara degli ottavi di finale degli Europei Under 22 di Boxe “Occhi di tigre” Cavallaro supera Keylan Cassidy col punteggio di 5-0 e centra i quarti, in programma domenica: avversario sarà l’ucraino Khyzhiniak per i pesi medi. La competizione è in fase di svolgimento, fino a metà della prossima settimana, a Braila in Romania.

A Chieti invece trionfa Martina La Piana, sul gradino più alto al Torneo Nazionale Italia. La Junior 52 kg conquista l’oro per il secondo anno consecutivo. Una straordinaria conferma per l’allieva di Coach Giovanni Cavallaro e di uno staff tecnico composto anche da Giuseppe Platania e Fabrizio Amico, quest’ultimo guida per l’occasione della giovane e promettente pugile della Trinacria Boxing che ha superato la romana Giorgia Rossi della Boxe Trastevere con un netto 5-0 (27-30, 28-29, 27-30, 28-29, 28-29), al termine di 3 round tirati e combattuti ma dai quali è emersa la forza indiscussa della catanese che ha dichiarato: “Sono molto contenta, l’obiettivo che mi ero prefissata, vincere il torneo, è stato raggiunto. Ringrazio il maestro Giovanni Cavallaro che, nonostante la lontananza per via dell’impegno in Romania al fianco della Nazionale, mi ha dato la giusta carica emotiva, trasmettendomi serenità e positività, come da consuetudine nel pre-gara. Ringrazio il maestro Giuseppe Platania il quale, nonostante la sua assenza per motivi lavorativi, è stato ugualmente vicino con il cuore. Ed infine ringrazio il maestro Fabrizio Amico per avermi accompagnato al torneo e per avermi dato l’opportuno sostegno dall’angolo durante un evento per me così importante”.