Redazione

Dopo l’avvio della protesta del lavoratori precari del Bellini cui non è stato rinnovato il contratto di lavoro dopo oltre vent’anni di rinnovi annuali, i consiglieri comunali di opposizione Manlio Messina, Tuccio Tringale e Salvo Giuffrida hanno inteso portale la propria solidarietà, emanando successivamente la loro dichiarazione: “”La situazione trovata è davvero incredibile, – dichiarano i tre consiglieri- tale da costringere dei padri e delle madri di famiglia a salire su un tetto in condizioni di assoluto pericolo, solo per rivendicare il loro diritto al lavoro. E’ ingiusto e vergognoso. Ancor più se abbandonati da una amministrazione Comunale e dal Sindaco, intenti a fare del fumo per offuscare le reali condizioni cui versa la città tutta”.

“Ecco perché abbiamo deciso di salire su quel tetto -aggiungono i consiglieri comunali – perché è indegno che nessun rappresentante politico sia andato ad ascoltarli. Noi non abbiamo la possibilità di risolvere questo problema, ma certamente attivare mi tutte le procedure a noi consentite per tutelare questi lavoratori. A cominciare da un’interrogazione urgente al sindaco e ad una richiesta di Consiglio straordinario per trattare il tema del teatro e dei suoi lavoratori. E chiederemo – concludono i rappresentati comunali- una audizione urgente alla commissione regionale competente chiedendo conto e ragione su tale vicenda.”

Insomma, a quanto si capisce, pare che si apprestino a presentare addirittura una interrogazione urgente. I lavoratori sul tetto saranno molto più sollevati per questa decisiva iniziativa.

Non poteva mancare la reazione della maggioranza consiliare, che certo non intende farsi scippare neanche una riga sull’argomento:

Ed ecco il comunicato, con preghiera di pubblicazione, del Gruppo consiliare Con Bianco per Catania con la dichiarazione del consigliere Michele Failla di “Con Bianco per Catania” , Presidente della Commissione consiliare Partecipate a commento delle affermazioni dei consiglieri del centrodestra sui lavoratori del Bellini

“Bene dicono i consiglieri Manlio Messina, Tuccio Tringale e Salvo Giuffrida  – dichiara Failla – quando affermano che non hanno la possibilità di risolvere il problema dei lavoratori del Bellini. Aggiungiamo che, quando l’avevano avuta la possibilità, ossia quando il centrodestra governava la città, nulla avevano fatto ugualmente. Ci auguriamo che invece di sterili denunce il livello dell’azione politico-amministrativa dei consiglieri Messina, Tringale e Giuffrida venga elevato, non solo sui tetti. Nessuno deve fare demagogia. Siamo impegnati, anche nella nostra Commissione, ad ascoltare le istanze dei lavoratori delle Partecipate del comune.
Il problema degli stagionali del Teatro è serio e va affrontato con responsabilità. Il Sindaco é impegnato insieme al Cda del TMB per affrontare un difficile tema. La legge e le difficoltà finanziarie pesanti del Teatro impongono dei vincoli precisi per questi lavoratori. A tal proposito é stato chiesto un parere alla Regione per un percorso di reinserimento lavorativo nel Teatro. Intanto il sindaco Bianco, appena insediato, ha dovuto registrare un ritardo di sei mesi nel pagamento degli stipendi dei lavoratori. Oggi invece, grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, il ritardo è stato annullato. Questi sono i fatti, la demagogia invece non serve a nulla.”

Adesso, si che i lavoratori saranno davvero sollevati.

Quasi quasi scendono dal tetto.