“Ancora oggi il decreto Delrio non è stato pubblicato. Quindi, come ci dice lo stesso presidente dell’Autorità Portuale di Sistema, Andrea Annunziata, la mancata pubblicazione del provvedimento altro non fa che confermare che la sede è sempre Augusta”. La presidente di Assoporto Augusta, Marina Noé lo dice forte e chiaro nel corso di un incontro con il responsabile dell’Autorità e con il sindaco di Augusta Cettina Di Pietro. A quattro mesi dalla firma del decreto da parte del Ministro Delrio che stabilisce Catania quale sede provvisoria ufficiale, di questo decreto sulla Gazzetta Ufficiale non c’è traccia. Con buona pace delle rassicurazioni del Ministro Delrio date a Bianco e Crocetta, che hanno subito annunciato un risultato in realtà inesistente

Una situazione quanto meno imbarazzante che Noé definisce “una fase convulsa che non si è definita”. Sudpress ha  seguito con attenzione la vicenda sin dall’inizio, chiedendo direttamente alla sede della Gazzetta che cosa avessero fatto del decreto e ricevendo come risposta un “non ne sappiamo nulla”.

Si infittisce dunque il giallo.

L’Associazione che riunisce le aziende e gli operatori portuali, dopo aver presentato il ricorso al Tar -non accolto dal Tribunale Amministrativo proprio perché il decreto giuridicamente non esiste e non era possibile neanche valutarlo- intende proseguire nella sua strada. “Se per qualche tempo avremo una sede condivisa questo non ci preoccupa -ha affermato Marina Noé-. Noi andremo avanti con i nostri atti giudiziari, non intendiamo retrocedere di un passo e lo abbiamo detto al presidente che ne ha preso nota. Gli abbiamo chiesto anche per iscritto senza però creargli imbarazzo, se può spiegare al Ministro ciò che a noi non è stato consentito fare. Abbiamo chiesto ad Annunziata di illustrare al rappresentante del Governo centrale, le motivazioni reali per cui Augusta ritiene di essere la sede centrale dell’Autorità. In ogni caso impediremo questo esproprio in tutte le sedi e il fatto che ci sia stato risposto che i ricorsi vanno presentati nella nostra città è un segnale molto forte”. Catania dunque nonostante i strombazzamenti al momento non è sede dell’Autorità Portuale.

La presidente di Assoporto ha quindi commentato positivamente la scelta del presidente della Regione Crocetta di nominare Gaetano La Ferla, esponente del Pd augustano e molto vicino all’assessore regionale Bruno Marziano, quale membro del comitato di gestione dell’Autorità.

La partita quindi,  di questo incredibile balletto della sede dell’autorità portuale di Augusta-Catania, dopo mesi, appare più che mai aperta. Il che conferma, se ce ne fosse ancora bisogno, come agli annunci spesso non seguono i fatti, anche se vengono da Ministri e Sindaci.