A sei mesi dall’annuncio del bando di gara, l’aggiudicazione dei lavori per un importo di due milioni di euro ancora non è stata fatta. L’ingegnere Fabio Finocchiaro, direttore del Settore Manutenzioni dichiara che tra qualche settimana i lavori di rifacimento di strade e piazze dovrebbero essere assegnati alla società che ha presentato la migliore offerta. Poco dopo l’inizio. Ma la stagione autunnale è già cominciata e il maltempo è dietro l’angolo

Le condizioni di strade, marciapiedi e piazze, ma anche caditoie e tombini dovrebbero costituire una delle priorità della città considerando la stagione delle piogge che si prepara ad arrivare, come ogni anno. Questi servizi sono proprio quello su cui si incentra il bando Global Service, presentato dall’amministrazione a marzo, ma per l’aggiudicazione dei lavori pare si debba attendere ancora.

“Io ho già fatto 3 sedute di gara –spiega il direttore Finocchiaro- abbiamo terminato la verifica delle offerte tecniche: trattandosi di una gara incentrata sull’offerta economicamente più vantaggiosa significa che il criterio di aggiudicazione è basato su due verifiche, quella dell’offerta tecnica che costituisce il 60% della valutazione e quella dell’offerta economica, il restante. L’offerta tecnica riguarda le migliorie che noi abbiamo chiesto rispetto al progetto e le abbiamo già visionate tutte”.

Domani abbiamo un’altra seduta e dovremmo stilare la graduatoria delle offerte tecniche –continua Finocchiaro-. Poi ci sarà un’ultima seduta per l’aggiudicazione dei lavori e ritengo che avverrà la prossima settimana. Da quando l’Urega, l’ufficio regionale per l’espletamento delle gare d’appalto dei lavori pubblici, ci ha dato il via libera per l’inizio delle operazioni di gara, noi siamo andati abbastanza spediti. Per me possiamo continuare con lo stesso ritmo solo che i due commissari della commissione formata dall’Urega vengono da Vittoria e dalla provincia di Messina”.

Ricordiamo che il bando è stato pubblicato il 23 giugno dopo tre mesi dalla presentazione che l’Amministrazione comunale aveva fatto a fine marzo. La gara d’appalto si è chiusa così il 21 luglio, in piena estate, e solo a inizio settembre l’Urega ha iniziato ad aprire le buste delle offerte pervenute.

Ma oltre al rallentamento estivo anche errori burocratici hanno messo un freno alle procedure, in particolare il sorteggio dell’ultimo commissario necessario per completare la commissione addetta a verificare le offerte pervenute. La nomina era già avvenuta ma, come ci hanno raccontato dagli uffici dell’Urega, il soggetto era stato sorteggiato da un elenco sbagliato costringendo a rifare tutto dopo il 28 agosto.

Lo scorso 7 settembre dall’ufficio regionale delle gare d’appalto, il geometra Sinesio, responsabile della gara d’appalto Global Service, ci aveva fatto sapere che il giorno precedente la commissione, finalmente completa, si era riunita per aprire le buste delle proposte.

Alla fine dei fatti l’unica certezza sono le tempistiche dilatate della burocrazia che fanno dubitare l’inizio dei lavori a settembre. Intanto il rischio di qualche bomba d’acqua è già in agguato.