Avvocati, criminologi, magistrati e investigatori a confronto su un tema delicato, come indica lo stesso titolo del convegno: “Abusi, violenze e maltrattamenti in classe: profili di difesa del minore”. L’incontro si svolgerà giovedì 14 dicembre 2017, alle ore 15.00 nella Sala delle Adunanze della Corte d’Appello di Catania. L’iniziativa – organizzata dalla Camera minorile di Catania con il patrocinio dell’Unione nazionale camere minorili e dell’Associazione nazionale Criminologi e Criminalisti – tenterà di fare piena luce sugli strumenti a disposizione degli addetti ai lavori per la protezione e la difesa della parte più vulnerabile di un sistema che dovrebbe garantirne la sicurezza

«La scuola è il luogo dove i nostri figli cominciano ad apprendere le regole della convivenza civile e del rispetto per gli altri. I recenti fatti di cronaca – ha commentato la presidente della Camera minorile di Catania Renata Saitta che aprirà i lavori del convegno – restituiscono un quadro allarmante che cercheremo di mettere a fuoco grazie al contributo di criminologi, avvocati, magistrati e investigatori».

Al tavolo dei relatori, moderati da Claudia Di Dio (cultore materie giuridiche e criminologiche Università Kore – direttivo Camera minorile Catania), interverranno: Nicola Malizia (docente di Criminologia-Università Kore); Agata Ciavola (docente Procedura penale – Università Kore); Gian Marco Gulizia (direttivo Camera Minorile Catania); Francesco Cristoforo Alessandro Camerano (Procura della Repubblica di Catania); Giuseppina Neri (dirigente Ufficio Minori e Stalking Questura di Catania).

La Camera Minorile di Catania è un’associazione che promuove lo studio e la formazione nel diritto minorile e della famiglia, organizzando incontri di studio con Magistrati minorili e della famiglia, Avvocati, Docenti Universitari, esperti in psicologia, sociologia, neuropsichiatri infantili, pedagogisti, assistenti sociali ed altre figure professionali che si occupano a vario titolo di problematiche relative all’età evolutiva e delle dinamiche familiari. Obiettivo primario dell’associazione è quello di contribuire alla formazione di avvocati con elevato livello di specializzazione ed in particolare dotati di una preparazione professionale multidisciplinare.

Opera per la divulgazione, l’applicazione ed effettività dei diritti sanciti nella Convenzione di New York del 20 Novembre 1989 “sui diritti del fanciullo”, nonché di tutte le altre fonti normative sovranazionali e nazionali che mirano alla tutela del minore di età.