venerdì - 20 aprile 2018

array(4) { [0]=> string(7) "catania" [1]=> string(7) "Cronaca" [2]=> string(6) "lavoro" [3]=> string(9) "sindacale" }

Garibaldi: 11 lavoratori in bilico, l’imprenditore Russotti “dall’ospedale nessuna disponibilità”

"E' un ricatto scegliere tra il licenziamento o la riduzione all'osso dello stipendio" afferma la Filcams Cgil. "Stiamo cercando tutte le soluzioni per evitare i licenziamenti, ma dall'Arnas Garibaldi non ci sono state aperture concrete e valide. Ci siamo resi disponibili, durante l'incontro in Prefettura, ad una riduzione di orari e stipendi, ma dovrà essere d'accordo tutto il personale. Diversamente andremo avanti con i licenziamenti" replica parlando a Sudpress Giovanni Russotti, al vertice del gruppo Russottfinance che ha in appalto il servizio di pulizia e sanificazione dell'azienda ospedaliera Arnas Garibaldi

L’amministrazione Bianco e le case di riposo: in soli 3 mesi 56 “transazioni” per 4 milioni

Qualche giorno fa ci siamo occupati della "strana transazione" liquidata dal comune nonostante risultasse vittorioso in tribunale. Ci siamo incuriositi. E la sorpresa è stata notevole. L'ELENCO DELLE TRANSAZIONI (degli ultimi tre mesi)

Comunali: la Lega sceglie Pogliese, il neocoordinatore Candiani “ritiro di Attaguile non è merce di scambio”

E alla fine accordo fu! Salvo Pogliese sarà il candidato ufficiale anche della Lega. Candidato e leader nazionale leghista Matteo Salvini, colleghi all'europarlamento, si sono incontrati questa mattina e si sono stretti la mano. Nello scarnissimo comunicato inviato dal comitato elettorale di Pogliese si sottolinea la soddisfazione del candidato del centrodestra e "l'assoluta sintonia sul programma amministrativo con il quale ci stiamo presentando ai catanesi e sull'azione di governo che porteremo avanti, se i nostri concittadini vorranno, con la nostra squadra sin dal primo giorno successivo all'elezione"

Banca Base, altro mese di sospensione. Domani firma Agricola Ragusa (forse). Correntisti salvi (forse), azionisti perdono tutto (sicuro)

Annunciata azione di responsabilità per almeno 8 milioni di euro nei confronti degli amministratori commissariati. Il commissario ha appena 20 giorni per chiudere la trattativa oppure sarà "bail in".

Caos rifiuti. Scena surreale al Comune: mentre i netturbini minacciano il suicidio in Consiglio si parla di bullismo

Dopo l'irruzione ieri sera in Consiglio Comunale, alcuni dipendenti del bacino prefettizio, ancora inattesa di risposte ma soprattutto di stabilità, hanno deciso di rimanere anche di notte, affacciati e a cavalcioni sulle balaustre. Una protesta forte di chi non ha più nulla e non vuole più parole ma fatti. Dopo lo scandalo dell'inchiesta "Garbage Affair"di qualche settimana fa, questi lavoratori e lavoratrici sono rimasti senza certezze e a seguito di incontri, proteste e tavoli adesso pretendono risposte. Il tutto in un clima surreale e caotico, con i disagiati della Cattedrale in piazza Duomo insieme agli altri lavoratori e alle famiglie di chi protesta in Comune. Un altro bel numero di persone che forse, chissà ma non ci crediamo tanti, il sindaco si sentirà sulla coscienza 

Scandalo appalto rifiuti: “Occorrono amministratori competenti!”

Gara da 350 milioni deserta per quarta volta. Rossella Pezzino de Geronimo, amministratore unico del colosso di settore Dusty aveva avvertito sin dall'inizio ed in tempi non sospetti che si sarebbe a sbattere. Ora invece tutto diventa molto, ma molto sospetto, tanto da indurre la manager a porre "una domanda, appunto, da 350 milioni: ma perché hanno insistito con questo bando?" E intanto la città è nelle condizioni cui assistiamo e il servizio ultra milionario viene costantemente prorogato ad aziende con interdittive antimafia e coinvolte in pesanti indagini giudiziarie che hanno già coinvolto fedelissimi del sindaco Bianco. La gara deserta ha sùbito provocato pesanti reazioni da destra, con Salvo Pogliese, alla Sinistra Italiana che ha inviato un esposto all'ANAC che a sentire l'assessore D'Agata è la vera responsabile, con i suoi "suggerimenti", di quanto sta accadendo: e dire che al suo vertice su 5 componenti ben due sono catanesi, Michele Corradino e Ida Nicotra che il giornale proverà a contattare per chiarire, se possibile, il tenore di questi "suggerimenti" forniti all'amministrazione Bianco.

E quattro! Maxi gara rifiuti ancora deserta, ormai è sfida alla Giustizia

I registi di fantasy americani o forse meglio ancora i giallisti alla Agatha Christie non avrebbero potuto immaginare un copione migliore di quello che si è tristemente ripetuto al Comune di Catania. La gara settennale da 350 milioni di euro per la raccolta dei rifiuti e lo spazzamento delle strade è andata deserta per la quarta volta consecutiva. Un'ennesima figuraccia che l'amministrazione Bianco, ormai agli sgoccioli, rimedia ancora una volta nonostante le perplessità espresse sui contenuti del bando da moltissimi imprenditori del settore ma messe a tacere dalle rassicurazioni del sindaco Bianco e dell'assessore al ramo Rosario D'Agata che, facendosi scudo della "approfondita interlocuzione" con l'Anac, hanno avviato in maniera scandalosa una "procedura negoziata", suggerita appunto, a loro dire, dall'Autorità anticorruzione

Le 7 esternazioni di Matteo Salvini a Catania

Di problemi reali della Sicilia pochino, diciamo pure niente. Matteo Salvini arriva all’International Airport Hotel di Catania direttamente da Fontana Rossa verso le 18.30. Ha raggiunto la “Sala Bora” dove, scortato da qualche compagno di avventura ha tenuto una conferenza durata 40 minuti, domande incluse. Una comparsata dedicata soprattutto alle televisioni. Per dare il tempo ai Tg regionali e magari anche nazionali di operare uno scarno montaggio e passare il tutto in prima serata.

Far west Catania: colonnine Sostare saltano in aria, solite promesse e pericolosi detriti ancora sui marciapiedi

Da mesi si parla però di attuare precauzioni utili ad evitare questi veri e propri attentati nei confronti dei parcometri. Proprio in occasione dell'ultimo episodio verificatosi nel gennaio scorso, ci furono subito tante attestazioni di solidarietà da sindaco e consiglieri, suggerimenti ma nulla in concreto venne fatto. Oggi il presidente di Sostare Luca Blasi a Sudpress spiega che "con le telecamere sarà possibile aiutare le forze dell'ordine, ma vogliamo incentivare la realizzazione di colonnine più robuste e l'utilizzo di app, in meno di due mesi circa". Nel frattempo però, si rischia una nuova escalation di atti vandalici e furti, che potrebbero causare, viste le modalità, anche feriti e danneggiamenti seri. Fra l'altro non si è neanche provveduto a togliere molti dei detriti sparsi sul marciapiede dopo la violenta esplosione di stamattina, con pezzi di vetro rimasti ovunque a mettere a serio rischio l'incolumità dei passanti. Roba da quarto mondo!

Forte boato nella notte in corso delle Provincie: distrutto un ennesimo parcometro di Sostare

Il distributore di biglietti dei parcheggi a strisce blu si trovava all'angolo tra corso delle Provincie e via Milano. La deflagrazione è avvenuta intorno alle 3.45 di questa mattina squarciando il silenzio della notte e svegliando gli abitanti di corso delle Provincie e vie limitrofe. La colonnina dei biglietti per la la sosta a pagamento gestita dall'azienda partecipata del Comune di Catania, è stata fatta saltare letteralmente in aria, evidentemente con forte esplosivo tanto che i suoi pezzi si sono sparsi in mezzo alla strada e in tutto il marciapiedi circostante. Pare che i malviventi, afferrata la cassetta con le monete, si siano dileguati velocemente a bordo di scooter. Immediato l'intervento dei Carabinieri che stanno indagando sulla vicenda

Domenica 29 super concerto con il top del pianismo internazionale

Domenica 29 aprile alle ore 17.30 nella splendida cornice della Badia di S'Agata sarà protagonista il grande pianismo internazionale, in occasione del concerto finale della Masterclass di Alto Perfezionamento Pianistico, tenuta da Epifanio Comis, pianista , docente e direttore d'orchestra catanese, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

Giunta Bianco…neanche i cani

È pazzesco quello che stanno combinando: l'amministrazione Bianco ha sospeso il servizio OBBLIGATORIO di soccorso per animali svolto sino ad ora in collaborazione con l'ASP. Reazioni sdegnate da destra a sinistra, gli interventi del candidato sindaco Salvo Pogliese e del leader di Catania Bene Comune Matteo Iannitti.

La Catania dei clochard: da Corso Sicilia a Vulcania in città aumentano tristemente i senzatetto

Non migliorano le condizioni del Corso Sicilia a Catania che, insieme ad altre zone del centro storico, è "colonizzato" dai senzatetto. La denuncia dei residenti: "Siamo stati abbandonati dall'amministrazione comunale". Un'altra zona colpita dal fenomeno è quella di via Torino, dove sotto i portici dell'ex centro commerciale Vulcania qualcuno ha addirittura allestito un vero e proprio appartamento all'aperto. Da extracomunitari a persone divenute povere negli anni della crisi, la città pullula di nuovi poveri vagabondi. E così ci si organizza. GUARDA LE FOTO 

Pubblica Istruzione del Comune nel caos: assessore, dirigente e funzionario nel mirino della Procura

Imputati, per ragioni diverse, l'assessore Maria Ausilia Mastrandrea, il dirigente Paolo Italia e la funzionaria Alfia Pina Sciuto. Per l'assessore Mastrandrea, come riporta il giornale "L'Urlo", il giudice Giuseppina Montuori ha disposto l'imputazione coatta insieme alla sorella, per aver "giurato il falso davanti al giudice dopo aver sfrattato una vittima di usura ed estorsione da un loro immobile". Si tratta di una bottega al centro di Catania affittata a Vincenzo Giuffrida, vittima di usura ed estorsione, della quale l'uomo non riusciva a pagare l'affitto. Nonostante le due sorelle conoscessero tale difficile e drammatica condizione, avrebbero avviato lo stesso le procedure di sfratto e avrebbero anche fatto firmare una scrittura privata all'affittuario, con la quale praticamente lo obbligavano a non denunciarle. La segnalazione però è partita lo stesso, da Goffredo D'Antona, avvocato di Giuffrida. Il dirigente Italia e la funzionaria Sciuto, come anticipato da Livesicilia, sarebbero stati rinviati a giudizio per turbativa d'asta nella gara per la "fornitura ed installazione di giochi per esterno, attrezzature e pavimentazione antitrauma"

Domani Salvini a Catania? 7 domande per lui

  Elezioni comunali e formazione del nuovo governo saranno certamente i temi sviluppati durante la visita del leader della Lega Matteo Salvini a Catania. Lo ascolteremo con grande curiosità.

Bianco, le elezioni, il Pd e il Thè nel deserto

Metti un pomeriggio di domenica, raduna qualche fedelissimo più o meno traballante e offri loro un Thè all'inglese. Per parlare di elezioni e convincerli forse anche bluffando, che la partita delle Comunali è ancora aperta

In evidenza

Vigili del Fuoco: “Eroi a 700 euro al mese e senza neanche l’assicurazione INAIL”

È amarissima la denuncia di Carmelo Barbagallo, dell'esecutivo regionale USB.  Negli ultimi giorni abbiamo assistito alla morte dei giovanissimi pompieri a Catania e in ultimo il sacrificio del volontario a San Donato Milanese. Li abbiamo salutati come eroi e molti ne vediamo quotidianamente impegnati in decine di soccorsi nelle occasioni più disparate, per incendi, terremoti, alluvioni, incidenti. Interventi spesso pericolosi ed in situazioni complesse. Eppure questi professionisti sempre pronti al sacrificio estremo sono bistrattati in maniera indegna da un sistema che si accapiglia a tutela degli assurdi privilegi di casta di politicanti & C. e lascia forze dell'ordine e di soccorso in condizioni di lavoro intollerabili e con stipendi da fameEd è una deriva pericolosa.

Ufficio Stampa del comune: La Direttora Generale e il Capo di Gabinetto scaricano gli “abusivi” di Enzo Bianco

Se qualcuno, e non si capisce chi potrebbe, aveva ancora dubbi sul caos totale di questi ultimi 5 anni di amministrazione Bianco, quanto accade tra i corridoi di Palazzo degli Elefanti lo hanno chiarito la Segretario/Direttore Generale Antonina Liotta e l'attuale Capo di Gabinetto (il precedente si è dimesso ed il penultimo è stato interdetto) Gianluca Emmi (che è anche vice segretario generale) rispondendo ad un'indagine dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) in merito all'ormai famoso "Ufficio Stampa Abusivo del Comune di Catania": "Sono stati diffidati!"

Bianco e la rotazione dei dipendenti comunali: Arcidiacono “funzionari lì da 20 anni”. Ecco chi sono

“L'amministrazione ha ritenuto di applicare la rotazione dei dipendenti che avevano svolto un servizio abbastanza lungo in quel settore”. Così il sindaco Enzo Bianco, in un comunicato inviato la settimana scorsa, "giustificava" l’ordine di rimuovere la funzionaria della direzione comunale Ecologia Luisa Balsamo, dato a Salvatore Cocina nella durissima telefonata pubblicata anche da Sudpress tra il primo cittadino e l’ex dirigente. “O si adegua o se ne va!” aveva intimato Bianco all’allora direttore che di fatto poi andò via. Bene. Evidentemente però, il sindaco, come sottolineato dal discorso del vicepresidente vicario del Consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono, dimentica che sono diversi gli impiegati e i funzionari in posizioni delicate che da anni non subiscono la “rotazione” tanto declamata dal sindaco

Massimo Rosso, il Mandatario Elettorale di Enzo Bianco

Non ci sono dubbi sul rapportò di estrema fiducia che lega da anni il sindaco di Catania Enzo Bianco ad uno dei maggiori protagonisti dello scandalo che sta travolgendo la sua amministrazione e per il quale si moltiplicano di ora in ora le richieste di dimissioni senza che si sia alzata una sola voce in sua difesa, nemmeno dalle fantasticate 8 liste che ha dichiarato essere pronte a sostenerne la sua sempre più improbabile candidatura. Massimo Rosso, il Ragioniere Generale, già Capo di Gabinetto, che grazie alla sua nomina guadagna oltre 132 mila euro l'anno a spese dei catanesi, è stato persino il Mandatario Elettorale di Enzo Bianco, cioè la persona di estrema fiducia che ha gestito i 115 mila euro che il sindaco ha dichiarato di aver speso nella campagna elettorale del 2013. Tanto indispensabile averlo al suo fianco che Bianco nominò Rosso "consulente gratuito" nel 2015 nel breve periodo in cui non fu possibile dargli incarico remunerato. Decine le missioni pagate dai catanesi al dr. Rosso a Roma dove, per mera coincidenza, risiedevano le figlie in appartamenti pagati dalle aziende che gestivano i rifiuti per il comune.

BIANCO CADE DAL PERO: L’INCREDIBILE AUTODIFESA

Gli uomini a lui più vicini finiscono in galera o interdetti, prendevano soldi e si facevano pagare case per le figlie, assumere i generi e chissà cos'altro e il sindaco se ne esce con un comunicato che da solo meriterebbe che si autofirmasse un Trattamento Sanitario Obbligatorio. Delle due infatti l'una: o era a conoscenza di un gravissimo sistema di corruzione in atto da anni al vertice della sua stessa amministrazione o è talmente inadeguato da non accorgersi che uomini da lui promossi al vertice della Cosa Pubblica catanese agivano nel modo in cui la DIA e la Procura di Catania hanno accertato. IN ENTRAMBI I CASI É UN OLTRAGGIO ALLA CITTÁ CHE RIMANGA SINDACO UN MINUTO DI PIÚ!

Regali, assunzioni, vacanze: i comunali al soldo dei re dei rifiuti. Il procuratore “Siamo solo all’inizio”

Spregiudicatezza, arroganza oltre che una buona dose di dilettantismo e forse di "sicurezza dell'impunibilità". Persino i consigli dell'Anac, l'Autorità Anticorruzione, sono stati disattesi dall'Amministrazione comunale. E' un quadro loschissimo e desolante quello che i magistrati della Procura etnea con a capo Carmelo Zuccaro dipingono del sistema di corruttela al Comune di Catania, venuto fuori dall'indagine della Dia che ha portato all'interdizione per 12 mesi del Ragioniere generale del Comune ed ex capo di gabinetto di Bianco, Massimo Rosso e all'arresto di Orazio Fazio (in carcere), responsabile dei procedimenti della Direzione Ambiente e direttore della Esecuzione del Contratto per i servizi di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti comunali e di altri servizi di igiene pubblica; ma anche degli imprenditori Antonio Deodati (in carcere), all'interdizione del cugino Francesco Deodati amministratore unico della Ecocar che insieme alla Senesi ha in appalto il servizio, al fermo di Antonio Natoli (ai domiciliari) dipendente delle aziende dei Deodati e alla sospensione dai pubblici uffici per un anno del direttore dell'ecologia del Comune di Catania Leonardo Musumeci. Le accuse, pesantissime, vanno dalla turbata libertà degli incanti alla corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio - L'INTERVISTA A ZUCCARO E IL VIDEO DELL'OPERAZIONE CON LE INTERCETTAZIONI

Catania: decapitato il vertice dell’amministrazione comunale, attesa per le dimissioni di Bianco

Sono gli uomini più vicini al sindaco Bianco quelli coinvolti in una delle più importanti operazioni condotte negli ultimi anni dalla procura di Catania a carico di "colletti bianchi". Arrestato il coordinatore del settore rifiuti Orazio Fazio, chiamato da Bianco addirittura nel suo staff di Gabinetto. Interdetto il Ragioniere Generale Massimo Rosso che di Bianco è anche stato niente meno che Capo di Gabinetto. Sospeso per 12 mesi anche il dirigente del comparto Ecologia, nominato e recentemente prorogato dallo stesso sindaco, Leonardo Musumeci. IN AGGIORNAMENTO

Bomba sui rifiuti a Catania: blitz della Dia, arrestati funzionari del Comune e imprenditori

Al centro l'affidamento di un appalto da 350 milioni di euro per la raccolta dei rifiuti, suddivisi in tre anni. La relativa gara è andata deserta per ben tre volte, l'ultima appena poche settimane fa. In manette sono finiti funzionari del Comune di Catania con ruoli apicali e imprenditori del settore, di Catania rintracciato a Roma, tutti ritenuti responsabili di vari reati contro la Pubblica Amministrazione IN AGGIORNAMENTO

Le strane transazioni del comune di Catania che vince le cause… e paga lo stesso

La storia è abbastanza semplice quanto incredibile: in sintesi la casa di riposo Villa Regina, di cui ci siamo occupati insieme alla stampa nazionale per il “Caso Sammartino”, ha fatto causa al comune di Catania, ha perso ma inspiegabilmente l’amministrazione Bianco ha accettato una transazione pagando e accollandosi le spese. E il tutto si inquadra nelle ben più complessa vicenda degli affari milionari delle case di riposo alle quali il comune di Catania paga in base a vecchie convenzioni in proroga che prevedono il famigerato “vuoto per pieno” che nessuno di questi scienziati ha mai pensato di "riformare"…tanto poi… “transiggono”

Arrestato il deputato autonomista siracusano Pippo Gennuso per voto di scambio con clan Crapula

Il parlamentare regionale siciliano Giuseppe Gennuso, 65 anni, originario di Rosolini ed eletto nelle liste di Idea Sicilia - Popolari e Autonomisti, Musumeci Presidente, è stato arrestato lunedì sera dai carabinieri del comando provinciale di Siracusa su ordine della DDA di Catania con l’accusa di voto di scambio. L'indagine è ancora in corso e avrebbe fatto emergere rapporti di Gennuso con ambienti delle cosche mafiose siracusane, in particolare il clan Crapula

SIDRA: 5 assunzioni in campagna elettorale

Senza alcuna selezione pubblica, nonostante i suoi 140 dipendenti ed il divieto assoluto confermato dalla legge regionale 27/2016, il presidente della società del comune di Catania che gestisce i servizi idrici, Alessandro Corradi, nominato da Enzo Bianco nel settembre 2016 e uomo di riferimento del deputato regionale Luca Sammartino, ha firmato nel solo mese di marzo la bellezza di 5 incarichi a giovani professionisti spendendo 70 mila euro. La SIDRA è protagonista di un singolarissimo caso di "contabilità super creativa" con il suo bilancio che si regge su un misterioso credito di 50 milioni che il comune di Catania non riconosce da anni e comincia, seppur troppo tardivamente, ad essere oggetto dell'attenzione delle autorità di controllo.

La triste fola della Catania Film Commission

L’organismo, nato nel 2002 e retto da un organigramma scaduto, strombazza “un’ampia offerta di beni e servizi”, ma svolge sostanzialmente l’inutile ruolo di semplice “intermediario” per il disbrigo di pratiche burocratiche.

Le due facce della villa Bellini: la donazione e la desolazione

Appena qualche giorno fa, la Consulta dei Giovani Imprenditori e Professionisti ha voluto omaggiare la villa Bellini di una nuova illuminazione della scalinata. Così, alla presenza dell'onnipresente sindaco Bianco che continua ad intestarsi opere non sue, è stata finalmente inaugurata la lodevole donazione. Tutto meravigliosamente perfetto se non fosse che, pochi passi più in là, l’interno del giardino pubblico è un vero disastro con pericoli ovunque. GUARDA LE FOTO

Caos al Comune, Bianco chiede rinvio audizione alla Corte dei Conti mentre incombe il dissesto

Un posticipo di una ventina di giorni, dal 17 aprile al 4 maggio su richiesta del primo cittadino, forse per prendere tempo e uscire dall'impasse in cui si trova l'Amministrazione comunale nel preparare le risposte ai puntuali quanto pesantissimi rilievi che la Sezione Controllo della Corte dei Conti ha mosso nei confronti del piano di riequilibrio finanziario ma anche del rendiconto del 2015, del bilancio di previsione 2016-2018, del rendiconto 2016 e del perché non siano state adottate le misure correttive al rendiconto 2014. I giudici contabili siciliani hanno rinviato l'audizione del sindaco e quindi anche la decisione dopo questa nuova data e certo non sarà facile per l'Amministrazione, alla sbarra, evitare un dissesto che sembra ormai alle porte

Catania ormai Far West: 7 vigili urbani aggrediti alla fiera

In una città abbandonata, preda di una psudo-psico classe dirigente che passa tutto il giorno ad inaugurare cretinate, può accadere che in pieno centro, Corso Sicilia, quello stesso che di notte si trasforma in miserabile dormitorio, due pattuglie di vigili della polizia municipale in servizio anti contraffazione in piazza Carlo Alberto vengano circondate e malmenate da una ventina di giovani ambulanti extra comunitari che sono poi tranquillamente riusciti a darsi alla fuga. Non sappiamo più cosa dobbiamo temere: e si ricandidano! È accaduto questa mattina e non vogliamo aggiungere altro: aspettiamo il comunicato e le prese di posizione dei soliti deficienti ai quali continueremo a non assuefarci!

Caso Sammartino: Villa Regina precisa. E Sudpress anche. E la “transazione”…

Nei giorni scorsi ha trovato ampio eco sulla stampa la notizia, finalmente resa pubblica, che il mister preferenze di quel che resta del PD catanese, Luca Sammartino, è sotto indagine per la vicenda dei vecchietti inabili ricoverati presso la casa di riposo Villa Maria Regina e che avrebbero votato per lui "a loro insaputa", come ha titolato "Striscia la notizia". Riceviamo una richiesta di pubblicazione di alcune precisazioni da parte di Villa Regina. Che ovviamente pubblichiamo, contestandole, e non potendo evitare di notare che a scriverci in nome e per conto di Villa Regina è l'avvocato Francesco Antille che, insieme al collega Luca Mirone, sostiene nel procedimento penale la difesa del deputato Luca Sammartino, definito nell'atto di accusa "beneficiario ed istigatore della condotta crimimosa". Una interessante coincidenza, questa si, almeno giornalistica, non c'è dubbio. E non è vero che non ci sono transazioni....eccone una. E per noi è proprio strana. PRIMA PUNTATA

Pubbliservizi, continuano a mangiarsela: 5 accusati di peculato e sospesi dal lavoro

"Utilizzavano le autovetture per recarsi alle agenzie di scommesse o ulteriori luoghi ricreativi e attestavano sistematicamente false prestazioni lavorative, in realtà mai effettuate, indicandone i relativi orari e la tipologia di lavoro svolto nel “foglio presenze” e nel modulo denominato “riepilogo trasferta viabilità”". Così cinque dipendenti  della Pubbliservizi di Catania sono stati smascherati dalla Squadra Mobile su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, e sospesi dal pubblico servizio per 6,8 e 10 mesi, con l'accusa di peculato. IL VIDEO

La nuova sede milionaria dell’Ordine dei Medici…che ancora non c’è

L'avventura del presidente dell'ordine dei medici di Catania Massimo Buscema per acquistare una mega villa, (anzi due, come vedremo e in violazione del bando) con i soldi dei poveri medici che si iscriveranno nei prossimi 25 anni, è cominciata nel 2015, con aumento della quota associativa per ogni medico in un solo colpo del 30% (altro che ISTAT), un mutuo da quasi 4 milioni di euro per il quale gli oltre 8 mila medici catanesi pagano le rate già da oltre un anno...a vuoto...

Il fantomatico “Patto per Catania”, spacciato come risultato delle “grandi relazioni” di Bianco: una bufala

Era stato spacciato come un vero e proprio "miracolo"del sindaco uscente che si ricandida a quasi settant'anni e per la quinta volta. E lo fa beatamente malgrado la città affondi nel degrado, disservizi, sporcizia ed inefficienza. L'ultima novità è che il Partito Democratico, o quel che ne resta, non ha la faccia neanche di metterci il proprio simbolo su questa candidatura. In realtà, con una semplice ricerca in rete, il famigerato "Patto per Catania", firmato nell'aprile del 2016 dal primo cittadino Enzo Bianco e dall'allora premier Matteo Renzi al Teatro Massimo Bellini, si scopre non essere un'esclusiva del capoluogo etneo, ottenuta grazie al sapiente ed oculato lavoro di un sagace amministratore, che per la sua città ha lavorato giorno e notte, in modo da ottenere quanti più vantaggi possibili dal governo nazionale come ostinatamente propagandato. Infatti accordi come quello tra Bianco e Renzi, sono stati stipulati praticamente per tutte le città italiane, da Milano a Cagliari, da Bologna a Napoli, da Palermo a Genova e tante altre. Tra l'altro con risultati ben diversi, considerato che a Catania non è stato fatto praticamente nulla se non qualche centinaio di comunicati.

Niente simbolo PD per Enzo Bianco: il partito si è suicidato

Si è svolta nella serata di lunedì la "direzione" del Partito Democratico di Catania che non si riuniva da due anni. E quello che si è celebrato è stato il suo funerale, neanche troppo commovente. Infatti, è forse il primo e più eclatante effetto della clamorosa, ennesima sconfitta del partito che negli ultimi cinque anni ha governato la nazione, la regione e la città di Catania, perdendole tutte: il simbolo del Partito Democratico non sarà presente alle prossime elezioni comunali di giugno, ogni correntina di reduci in cerca di occupazione proverà a fare la propria listarella attorno a CAF, case di riposo e qualche sindacato.

“Tonfo” Gioeni: il cantiere infinito adesso è anche insicuro

Fino adesso son stati i cittadini, sempre più inferociti, a denunciare le magagne determinate dal cantiere infinito al Tondo Gioeni. Stavolta è "Catania Bene Comune" a "fotografare", in un post su Facebook, la pericolosa realtà degli operai intenti a lavorare sul frontone della fontana monumentale costata ai cittadini un milione di euro. Aperto oltre un anno fa e con già i primi otto mesi di ritardo sulla tabella di marcia che segnava ad agosto 2017 il termine dei lavori, si scopre che il cantiere non garantisce "alcuna sicurezza" ai propri addetti, arrampicati letteralmente sulle impalcature senza protezioni, privi di caschetti, ad un'altezza di certo rilevante."Intervengano immediatamente le autorità competenti e il Comune sanzioni l'impresa che sta eseguendo l'appalto, tuona Matteo Iannitti leader del gruppo

Copertina

Appalto rifiuti da 350 milioni: l’amministrazione Bianco insiste sullo stesso bando deserto per tre volte e procede ad inviti

Non è certo colpa del giornale se non si fa in tempo a raccontarne una che ne spunta subito un'altra SEMPRE PIÙ INCREDIBILE. É adesso l'ing. Maurizio Trainiti, attualmente sotto indagine per una vicenda relativa al Consorzio Autostrade Siciliane, decaduto dalle funzioni di dirigente dell'amministrazione Bianco il 31 marzo che il giorno prima, il 30, firma nella qualità di Responsabile Unico del Procedimento un avviso che lascia basiti: l'amministrazione Bianco ha deciso, disattendendo platealmente le indicazioni dell'ANAC, di attivare una "procedura negoziata" (cioè invitando ditte a sua discrezione) per l'appalto da 350 milioni con le stesse condizioni dei precedenti già falliti!  E magari nel frattempo si proroga!

Rifiuti: trattative private, proteste e minacce di sciopero, è sempre più caos

I lavoratori del Consorzio Seneco (che comprende Senesi e Ecocar travolte dalle inchieste giudiziarie) attendono speranzosi che si faccia venerdì, giorno in cui avverrà l'incontro in Prefettura per capire cosa sarà del loro futuro. Mentre l'amministrazione Bianco, dopo gli scandali che hanno travolto le ditte, funzionari e dirigenti del Comune, avvia trattative private per affidare il servizio settennale di raccolta dei rifiuti, i lavoratori combattono per avere la propria dignità: "Il sindaco ci ha promesso di farci avere l'incontro in Prefettura entro venerdì per scongiurare altre dure proteste. I lavoratori vanno tutelati con l'assunzione, bisogna capirlo". Una protesta con blocco degli auto compattatori, che ha messo in ginocchio Catania per diversi giorni, con cumuli di immondizia ammonticchiati in strada durante il week end pasquale

Taormina Food&Flower: Così proprio non si fa

Domenica 8 aprile, la prima vera piena domenica di primavera. Sono le 11,00 e la temperatura è perfetta: 16 gradi e il mare visto dai tavolini del Wunderbar è una tavola azzurra, perfettamente liscia.

Bimbo di 10 mesi con problemi cardiaci muore per il morbillo. Pintaudi: “contagiato da chi non era vaccinato”

A Catania si continua a morire per il morbillo. Dopo i due casi registrati nei giorni scorsi, oggi purtroppo è successo ad un bimbo di 10 mesi. Il comunicato dell'ospedale Garibaldi, dove il piccolo cuoricino ha smesso di battere, è meno asciutto del solito tanto da dare spazio alla dichiarazione-monito del responsabile del reparto Sergio Pintaudi

L’amministrazione Bianco sta spendendo 31 milioni per “riqualificare” le strade…così!

Dopo il disastro (con arresti) della gestione rifiuti, lo scandalo della Corte dei Conti che denuncia 5 anni di maneggi contabili tra stranissime transazioni milionarie e incredibili malversazioni (ne parleremo a breve), ecco l'ultima boutade di un'amministrazione in bulimia di cretinate: la riqualificazione delle strade per le quali starebbero spendendo la bellezza di 31 milioni dei catanesi. Pochi giorni fa abbiamo documentato le condizioni della via Etnea a pochissimi giorni dalla "riqualificazione secondo le indicazioni del sindaco Bianco" come riportato in tutti i comunicati ufficiali. subito un altro eloquente esempio: la via Fattori e l'attiguo Parco Zammataro, appena consegnati...E SIA CHIARO, LA RESPONSABILITÁ È DI CHI NON LI HA ANCORA ARRESTATI!

Emergenza espurgo: Sidra: “A regime in poco tempo”, gli Autotrasportatori: “Falso, non si può lavorare”

Dura la risposta di Giovanni Rinzivillo, portavoce degli autotrasportatori Confcommercio Catania, al comunicato congiunto di Sidra Spa e Comune di Catania, sull’emergenza sanitaria in atto da mesi. Da tempo le ditte espurgo denunciano le limitazioni al depuratore di Pantano D'arci, gestito appunto dalla Sidra, a quanto pare, in difficoltà nello smaltimento dei rifiuti liquidi provenienti dalle fosse settiche di condomini, scuole e quant’altro e di quello dei fanghi prodotti dalla depurazione delle acque reflue, con ovvi problemi per chi svolge l'attività e gli utenti. AGGIORNAMENTO: LA REPLICA DI SIDRA SPA

Speciale

Caos al Comune, Bianco chiede rinvio audizione...

Scoop de I Vespri in edicola: “INDAGATO...

L’amministrazione Bianco sta spendendo 31 milioni per...

Cronaca

Garibaldi: 11 lavoratori in bilico, l’imprenditore Russotti...

L’amministrazione Bianco e le case di riposo:...

Caos rifiuti. Scena surreale al Comune: mentre...

Eventi

Domenica 29 super concerto con il top...

“Non dormiri chiù”, a Misterbianco uno spettacolo...

“Mostre alla catanese”: Toulouse Lautrec? Compriamo le...

Sport

Calcio, il Catania doma l’Akragas: 3-1. Nuovo...

Catania, solo un pari con la “Juve”,...

Il Catania cala il poker…

Calcio: il Catania batte 4-0 il Catanzaro...

Al voto

Candidati a sindaco di Catania: Attaguile ancora...

Compravendita di voti: Pellegrino non rinuncia alla...

Vincitori e vinti eccellenti: oltre ai 5...

Login Digitrend s.r.l